Post

Check Point Charlie

Immagine
  Check Point Charlie Proseguendo nell ' " Operazione Simpatia " già intrapresa da alcuni anni , Trenitalia ha introdotto un nuovo divertente happening volto a rivitalizzare la triste e monotona transumanza di noi pendolari ferroviari nel quotidiano percorso casa-lavoro-casa. Sto parlando del controllo dei biglietti alla stazione di arri v o. La faccenda funziona così : All'arri v o alla stazione di Venezia Santa Lucia i malcapitati viaggiatori , una volta scesi dal treno , di solito in ritardo, si trovano di fronte a transennamenti minacciosi come cavalli di frisia e vengono incanalati attra ve rso questi recinti, come manzi portati al macello , verso il Charli e Point del controllo. Qui , nerboruti addetti di Trenitalia bardati con rutilanti giubbotti fluorescenti e cartellini identificativi di difficile v e rificabilità, si oppongono alla mandria sopraggiungente , allargando braccia e gambe , che neanche i G-men di Lady Gaga per arginare i fans. L ' effetto è a

Piccolo Glossario Regionale 4

Immagine
  Monitoraggio Pratica di oscura e difficile individuazione volta a giustificare la propria attività con il lavoro altrui. Per favore, quando scrivi un commento, se puoi lascia il tuo nome o anche un nickname. Grazie

Desperate Housewife 3

Immagine
  Camper   Tornando all’auto nel parcheggio del supermercato con il carrello della spesa, Nicola osservò seccato il dépliant pubblicitario infilato nel tergicristallo. Con un gesto brusco lo strappò via guardandosi intorno alla ricerca di un cestino, ma non poté fare a meno di darci un’occhiata: “HAPPYCAR s.a.s. – Noleggio camper a un passo da casa tua!” L’ipotesi di una vacanza in camper Nicola non l’aveva mai presa in considerazione: si considerava un guidatore mediocre, con poca resistenza ai viaggi lunghi, impacciato nei parcheggi, del tutto a digiuno di conoscenze e abilità meccaniche. Per lui la vacanza era sempre consistita nei quindici giorni sulla riviera adriatica, hotel a tre stelle con pensione completa (e la domenica le lasagne al forno della signora Teresa, moglie del titolare), ombrellone garantito di seconda fila per essere vicino al mare ma nel contempo non prendere le pallonate di quei maleducati che giocano a calcio sul bagnasciuga. Nessun cestino dei rifiuti

Centoporte

Immagine
  Centoporte     Il “ Centoporte ” era una carrozza in servizio sulle linee regionali delle ferrovie italiane dal 1928 agli anni ’80. Era dotata di molte porte laterali, fino a dieci per lato, aveva sedili di legno chiaro stretti e scomodissimi e viaggiava anche su quattro assi di ruote sferraglianti. Agghindata di legni e ottoni come una grande orchestra sinfonica, è stata un mostro buono che ha accompagnato premuroso i miei primi anni di giovane pendolare … Per prima cosa vedevi le scarpe. Ti si paravano davanti all’altezza degli occhi e tu, che dovevi salire, ti trovavi a sostenere lo sguardo seccato dei passeggeri già seduti e a prepararti ad affrontare le Forche Caudine delle loro ginocchia in mezzo alle quali avresti dovuto passare per accedere allo scompartimento, e che avresti dovuto per forza strusciare. L’attesa di questa promiscuità non voluta ti metteva subito ansia e disagio. Se poi avevi una valigia la preoccupazione aumentava. Le valige di una volta, fatte di

Piccolo Glossario Regionale 3

Immagine
  Salvare i dati Pratica auspicata a soluzione di qualsiasi problema gestionale da chi, per assoluta incompetenza, ha un’immagine salvifica dell’informatica. Esempio: “Dottore, non siamo in grado di rispondere alla richiesta di informazioni della Corte dei Conti”. Risposta: “Beh! Intanto salviamo i dati”. Per favore, quando scrivi un commento, se puoi lascia il tuo nome o anche un nickname. Grazie

Egregio sig. Direttore dell’Ufficio Postale

Immagine
  Egregio sig. Direttore dell’Ufficio Postale In data 12 settembre u.s., veniva restituita al mittente una raccomandata   A.R. spedita il 7 settembre dai miei suoceri dall’Ufficio Postale di Conegliano a un indirizzo della stessa città, in quanto la destinataria risulta “sconosciuta”, come da allegata fotocopia. In realtà, la destinataria vive felicemente all’indirizzo indicato da svariati anni, e non ho mai avuto con essa alcun problema nel recapito della corrispondenza. Ho quindi chiesto spiegazioni al Suo ufficio, e mi è stato comunicato che la lettera non è stata consegnata in quanto mancava il nome sul campanello della destinataria, e i portalettere di nuova assunzione non conoscono le persone e non sono tenuti a informarsi. Ora, non dico l’impegnativa “normale diligenza”, categoria che evidentemente è sconosciuta alle nuove leve di portalettere informatizzati e multimediali assunti dalle Poste Italiane, ma il più nostrano “buon senso” avrebbe indotto chiunque a risolvere il p

Le Pretoriane di Dio

Immagine
  Le pretoriane di Dio   Leggo stropicciandomi gli occhi su “Il Gazzettino” la seguente notizia (vedi il trafiletto qui sotto): “ Cinque bambini sarebbero stati esclusi dalla visita didattica al Duomo di San Donà di Piave in quanto durante l’anno scolastico non hanno frequentato le lezioni di religione ”. Sperando ardentemente che si tratti di una fake, aiutatemi a capire: qual è il nesso tra comportamenti privati in materia di religione e l’opportunità, il diritto e il piacere di ammirare un’opera d’arte? Dov’è finita non dico la ragione, parola grossa, ma anche il più banale buon senso? Purtroppo, siamo circondati dalle Nasti e dai Vacchi e da chi li ha creati, ma, ahimè, dobbiamo vedercela anche con le maestrine che si improvvisano pretoriane di Dio. Clicca sull'immagine per ingrandirla Per favore, quando scrivi un commento, se puoi lascia il tuo nome o anche un nickname. Grazie